3 luglio 2016

NON LASCIARMI, Kasuo Ishiguro

Ciao a tutti Bookish people! È passato un po’ di tempo dalla nostra ultima recensione, ormai la scusa esami non funziona più (ma tenetevela bene a mente, please) e promettiamo di impegnarci molto di più! Anyway, oggi la vostra -G vi parlerà di uno dei romanzi che ha dovuto leggere per l’università e che l’ha fatta innamorare, Non lasciarmi di Kasuo Ishiguro! Voi l’avete letto? Avete visto il film? - Quant'è figo Andrew Garfield, dai che lo pensiamo tutte ;) - Cosa ne pensate? 


Titolo: Non Lasciarmi
Autore: Kasuo Ishiguro
Prezzo: 12,00 €
Editore: Einaudi
Letto in: Italiano

TRAMA

Kathy, Tommy e Ruth vivono in un collegio, Hailsham, immerso nella campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani, e crescono insieme ai compagni, accuditi da un gruppo di tutori, che si occupano della loro educazione. Fin dalla più tenera età nasce fra i tre bambini una grande amicizia. La loro vita, voluta e programmata da un'autorità superiore nascosta, sarà accompagnata dalla musica dei sentimenti, dall'intimità più calda al distacco più violento. Una delle responsabili del collegio, che i bambini chiamano semplicemente Madame, si comporta in modo strano con i piccoli. Anche gli altri tutori hanno talvolta reazioni eccessive quando i bambini pongono domande apparentemente semplici. Cosa ne sarà di loro in futuro? Che cosa significano le parole "donatore" e "assistente"? E perché i loro disegni e le loro poesie, raccolti da Madame in un luogo misterioso, sono così importanti? Non lasciarmi è prima di tutto una grande storia d'amore. È anche un romanzo politico e visionario, dove viene messa in scena un'utopia al rovescio che non vorremmo mai vedere realizzata. È uno di quei libri che agiscono sul lettore come lenti d'ingrandimento: facendogli percepire in modo intenso la fragilità e la finitezza di qualunque vita.


RECENSIONE

Premessa: la recensione è SPOILER FREE, ma per consentirmi di scriverla devo rivelarvi piccoli dettagli senza i quali non posso raccontarvi nulla, tuttavia non preoccupatevi dato che sono tutti svelati praticamente all'inizio.
Incomincio dicendo che, ho amato questo libro. Non è uno dei miei libri preferiti, ma senza dubbio leggerò altro dell’autore (ho piacevolmente scoperto che mia mamma aveva già dei suoi libri in casa, ergo presto saranno sui miei scaffali :D).
Non lasciarmi è un romanzo di fantascienza ucronica, ovvero ambientato in una dimensione temporale che dovrebbe essere la nostra, ma che in realtà segue un corso degli eventi alternativo. In particolare, in questo romanzo, dopo la seconda guerra mondiale è stato trovato il modo per curare le persone da molte malattie, tra cui il cancro, tramite lo sfruttamento di cloni creati unicamente per donare i loro organi vitali.

I nostri protagonisti Kath, Tommy e Ruth nascono e passano l’intera infanzia ad Hailsham, una specie di college per bambini senza genitori, che sono allevati da tutori. Kath, la narratrice e personaggio principale, ci racconta della loro infanzia nella scuola, della loro amicizia e di come lei sia diventata badante e perché.

La parte fantascientifica è pressoché inesistente, interessa solamente il contesto e salta fuori nel corso del romanzo, non subito all'inizio. Se, quindi, vi aspettate un libro sulla falsa riga di Blade Runner siete molto fuori strada.
Viene esplorata maggiormente la psicologia dei personaggi, la loro crescita personale e i loro dubbi e incertezze sul perché sono ad Hailsham e perché sono speciali, nonostante sappiano più di quanto vogliano ammettere. L’alone di mistero che si forma intorno alla loro vita viene ripreso sempre ed è una parte indispensabile per la trama. Il romanzo quindi si distacca subito dalla fantascienza per diventare un romanzo di formazione.

Se siete come me e amate i libri in cui non succede pressoché nulla, ma vi immergete volentieri nella mente dei personaggi e ascoltate con occhietti a forma di cuore tutti i loro pensieri senza uno scopo ben specifico, potete apprezzare il romanzo! Se invece siete come -B e avete bisogno di avventura e intrecci, non ve lo consiglierei, per quanto mi dispiaccia.

I personaggi sono, ovviamente, molto approfonditi.
Molti possono dire di rispecchiarsi in Kath, la ragazza che cerca disperatamente di piacere all’amica leader, ma che comunque rimane sempre buona e giusta e che si batte per i suoi amici, infatti aiuta sempre Tommy quando viene preso in giro. Personalmente, l’ho adorata: è molto intelligente e di buon carattere, non fa mai cattiverie gratuite e non risulta mai egoista, ma anzi, molto empatica. Ed è proprio questa sua empatia che ci permette di conoscere al meglio anche i coprotagonisti.
Ruth è la migliore amica di Kath, anche se spesso la trascura o la snobba. Vuole farsi vedere, essere al centro dell’attenzione e sembrare più grande o importante di quanto effettivamente non sia. Spesso risulta odiosa, ma quando capiamo i suoi veri dilemmi ci sentiamo male per lei (sta di fatto che comunque non la sopporto -.-).
Tommy è il mio personaggio preferito! Viene preso in giro perché non sa disegnare, perché si arrabbia continuamente, ma, nel corso del romanzo, crescendo ed imparando diventa calmo e pacato. Si impegna e si pone domande molto intelligenti per la sua età. Lui e Kath hanno un ottimo rapporto, li shippo assolutamente dal primo istante, ma non voglio dirvi altro *faccina maliziosa*.

Molte critiche che ho letto affermano che il romanzo non possegga una morale o una vera trama, che sia solo una bella scrittura contornata da noiose riprese di bambini che giocano a pallone. Come potete immaginare, non sono d’accordo.

Per spiegarvi il mio pensiero, arriva la parte SPOILER.

In tanti affermano che i ragazzi, nonostante sappiano di essere cloni e di non poter fare altro nella vita che non sia dare via i loro organi, non facciano niente per cambiare la loro condizione. Se tu sai che sei stato creato per spegnerti alla tua quarta donazione, puoi scappare, puoi ribellarti, puoi perfino suicidarti, puoi fare altro insomma. Questo è quello su cui le critiche continuano ad insistere. Beh, io non sono molto d’accordo. Vi riassumo ciò che scrive Theo Tait per il Telegraph: il lettore riesce ad intuire che Non Lasciarmi è in generale una parabola sulla mortalità, dove i bambini si raccontano patetiche piccole storielle per mascherare l’orribile verità che riguarda il loro futuro. Così come a noi è stato detto che moriremo tutti, ma non l’abbiamo completamente compreso.
Ecco perché sono in disaccordo con le critiche. L’autore ci sta dicendo che non possiamo farci niente, dobbiamo solo affrontare la verità, vivendo di conseguenza. (Come dire, altro che manca una morale, tiè.)

FINE SPOILER

La scrittura è indubbiamente meravigliosa, fluente e profonda. Spesso Kath si rivolge al lettore, ad esempio domandandoci se ricordavamo un precedente ricordo o chiedendoci di aspettare per la storia successiva, e questo espediente mi ha fatto sentire più coinvolta. Mi è sembrato di starmene seduta ad ascoltare una bella storia, senza voler arrivare subito al finale.
Il prossimo libro di Ishiguro nella mia wish list è Quel che resta del giorno, sperando sia meraviglioso come questo.


Voi l’avete letto? Cosa mi consigliereste di suo? Vi interessa? :D


20 commenti:

  1. Che bella recensione! Io questo libro l'ho letto mentre ero in dolce attesa...pensa un po' che tristezza mi ha messo addosso. Comunque l'amato moltissimo e resta uno dei miei libri preferiti insieme all'Amore fatale di McEwan. Sai che non conoscevo la fantascienza ucronica? Si impara sempre qualcosa.
    Bella la tua considerazione finale.
    Un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Effettivamente è un po' triste :/
      Di McEwan ho letto solo Cani neri, ma mi è piaciuto molto e penso che leggerò altro di suo quindi GRAZIE del consiglio! *.*

      Elimina
  2. Recensione stupenda! L'ho adorata dall'inizio alla fine ❤️❤️ Ho solo saltato gli spoiler ma dire che mi hai conquistata e' poco, complimentissimi e ora? Beh devo leggere questo libro meraviglioso assolutamente! ^_^

    RispondiElimina
  3. Io ho visto il film anni fa, però dopo non me l'ero sentita di leggere anche il libro.
    Però dopo aver letto la tua recensione, presto o tardi lo farò. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno parlato molto bene del film, dovrò vederlo al più presto! :D

      Elimina
  4. Io ho visto il film appena uscì (non sapevo fosse tratto da un libro, l'ho scoperto grazie a quest'intrigante recensione) e ricordo che mi piacque moltissimo, anche se mi lasciò una sensazione dolce-amara. Libro da prendere sicuramente in considerazione.
    Ps: Perché all'università non danno anche a me qualcosa di così interessante da leggere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah all'università le cose sono molto interessanti, ma sono MOLTE in decisamente POCO tempo D:
      Se lo leggerai voglio i tuoi commenti! :D

      Elimina
  5. ciao, bel blog, brave! Ho questo libro da leggere da un bel po', ma non mi sono ancora decisa. Contenta che ti sia piaciuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! A me è piaciuto molto sì :)
      Facci sapere se lo leggerai :D

      Elimina
  6. Eccomi qua! Vi siete iscritte per cui era d'obbligo una visitina ;) e dato che ho 'persino' twitter appena postato il commento vi seguirò anche lì, come @ecoscandinavo
    Di questo libro credo di avere l'ebook ma non l'ho mai preso in considerazione, troppi romanzi a cui dare la priorità e poi immancabilmente finisco per leggere pochissimo. Sapete che non ricordavo nemmeno la trama? Sarà che il titolo mi dà brutti pensieri, ma adesso con la vostra recensione gli darò una possibilità ^^
    P.S. Il rating da 2 stelle è fantastico :D
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per essere passataa *.*
      Effettivamente non è proprio come I Love shopping ahahah però è molto bello!
      Il rating non è proprio farina del nostro sacco, ma grazie del complimento :D
      A presto!

      Elimina
  7. Ciao!!! Lo leggerò tra poco perchè fa parte di un progetto che io qualche amica abbiamo iniziato tempo addietro, la tua recensione mi fa proprio ben sperare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello! Buona fortuna per questo misterioso progetto allora xD

      Elimina
  8. Complimenti per la recensione :) Sono contenta che il libro ti sia piaciuto. Io non l'ho apprezzato molto, però trovo che l'autore sia stato magistrale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Mi spiace che non ti sia piaciuto :/ Ma vabbè, ognuno ha i suoi gusti ahahah

      Elimina
  9. vi ho taggate tutte qui http://ilregnodeilibri.blogspot.it/2016/07/tag-3-i-piu-e-i-meno.html ^_^

    RispondiElimina
  10. Ciao:) Ho letto questo romanzo alle superiori, grazie a una superlativa insegnante di italiano. Mi era piaciuto, ma credo che necessiti una rilettura, perchè adesso probabilmente leggerei determinate cose in modo diverso. In ogni caso, sono d'accordo con la tua interpretazione, anzi, aggiungo che, a mio parere, questo è un romanzo tremendo, nel senso che ha in sè una tale portata di amarezza da essere quasi difficile da accettare. Per me, almeno, è stato così. Comunque, una recensione molto bella:)
    Un saluto
    Virginia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua insegnante mi piace già!
      Comunque hai ragione, è decisamente destabilizzante una volta che cerchi di comprenderlo appieno.
      P.s. Hai un nome ed un'immagine fantastiche! :D
      -G

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...